16 – Fiat 850 Vignale (1965)


Evoluzione della Fiat 600, la Fiat 850 rimpiazzò la celebre auto negli ’60, lasciando un segno indelebile nella storia della multinazionale torinese rispondendo alle esigenze delle famiglie italiane, sempre più agiate e numerose, in piena crescita economica e rivoluzione tecnologica.

Fu l’ultima Fiat sulla quale in grande numero si concentrarono i famosi carrozzieri dell’epoca, provenienti dal Piemonte e dalla Lombardia. Fra questo un posto speciale lo merita sicuramente Vignale (famoso per la Jensen Interceptor costruita a Grugliasco), che elaborò una versione berlina, una coupé e una spider della piccola familiare torinese riscuotendo grande successo nella clientela che pur senza spendere una fortuna cercava un mezzo ricercato e “fuori serie”.

Curiosità
Presto i vertici Fiat si accorsero del grande successo che i modelli “modificati” dai vari atelier riscuotevano e corse ai ripari presentando una versione coupé disegnata dal centro stile Fiat e una versione spider disegnata da Bertone. Questa scelta di campo sancì l’inizio della fine dei carrozzieri specializzati in “interpretazioni” sul tema. Oggi le Fiat 850 carrozzate da Vignale sono pezzi molto rari e ricercati dai collezionisti di tutto il mondo.

Scheda tecnica
Motore posteriore 850cc, 4 cilindri 47 cv
Trazione posteriore
Velocita massima 140 km/h
Lunghezza 3,57 metri, Larghezza 1,42 metri
Peso circa    680 kg