15 – Fiat 500 L (1969)


Nata dalla matita del geniale Dante Giacosa, la 500 è ritenuta la più iconica auto italiana. In meno di tre metri racchiude il genio dell’italianità, design e praticità, la capacità di adattarsi ma soprattutto la voglia di emancipazione e libertà degli anni Cinquanta e Sessanta. Insieme alla 600 è l’auto che più di ogni altra è nei ricordi di ogni famiglia italiana. Non c’è persona che in Italia non abbia un ricordo legato alla 500, l’auto del viaggio di nozze, la prima auto, l’auto con cui si è imparato a guidare. Per tutti è il Cinquino.

Nonostante il boom economico e l’enorme successo della 600, comprata nella maggior parte dei casi a rate, ancora grandi strati della popolazione italiana non avevano la possibilità economica di acquistare un’automobile. Fiat pensò così a una superutilitaria con motore di soli due cilindri i cui costi di acquisto, uso e manutenzione, potessero essere compatibili con il modesto bilancio delle famiglie operaie. Fu un successo senza precedenti. La piccola Cinquino ha consentito a tutti di viaggiare in Italia con i suoi 5 milioni di esemplari prodotti.

Curiosità
In campo cinematografico la 500 è apparsa in centinaia di film, anche di animazione come diversi episodi di Lupin III e Cars della Pixar. Oltre che in tantissime manifestazioni sportive, gare in pista e in salita, ha 500 è stata utilizzata per record e avventure. Nel 2005 una “500 R” del 1973 ha percorso l’intera distanza di 16.000 chilometri tra Bari e Pechino (Cina) attraversando mezza Europa, la steppa del Kazakistan, la taiga della Siberia fino a Vladivostok, Russia, per poi essere imbarcata per Pechino. Nel 2007 la stessa 500 guidata ha coperto 10.300 chilometri intorno al Mediterraneo, arrivando a toccare le dune del Sahara. Nell’estate del 2017 il Cinquino ha compiuto 60 anni.

Scheda tecnica
Motore posteriore 2 cilindri 500 cc 20 cv
Trazione posteriore
Velocita massima 80 km/h
Lunghezza 2, 98 metri, Larghezza 1,32 metri
Peso circa 520 kg

Duis consequat porta nulla, a consectetur odio blandit id. Ut sit amet sollicitudin neque. Morbi in lectus non nisi condimentum faucibus ut a mi. Quisque lacinia pellentesque justo molestie pellentesque. Vestibulum ac euismod arcu, ut dignissim massa.