14 – Fiat 124 Special (1971)


Negli anni Cinquanta e Sessanta con la 1100 e in parte con la serie 1300-155 la Fiat aveva motorizzato la fascia medio-alta della borghesia italiana. Nel 1966 decise che a questa clientela era il momento di dare una nuova auto, più moderna nelle forme, ma ugualmente solida, affidabile e rassicurante, la “124”.
Dante Giacosa, il padre di 500 e 600 e di molte altre Fiat di successo decise che l’auto avrebbe avuto soluzioni innovative per la carrozzeria (modernissima e molto squadrata secondo i canoni della seconda metà degli anni Sessanta), motore anteriore e trazione posteriore. Fu un grande successo: nel 1967 la 124 fu Auto dell’Anno (prima volta per la casa Fiat).

Curiosità
Nel 1968 la berlina torinese subisce un’evoluzione, nasce il modello Special: le finiture interne sono più ricche, nuovo il frontale con 4 fari, nuova la plancia con strumentazione a elementi circolari, sedili e rivestimenti porte meglio rifiniti, ma soprattutto un nuovo motore di 1438 cm³ derivato da quello delle “Sport” da 70 cv.

Scheda tecnica
Motore anteriore 4 cilindri 1438 cc 70 cv
Trazione posteriore
Velocità massima 156 km/h
Lunghezza 4,00 metri, Larghezza 1,62 metri
Peso circa 855 kg